Muore Donna Summer, la regina della disco music

Donna Summer non ce l’ha fatta: è morta questa mattina all’età di 63 anni in Florida, a causa di un cancro contro cui lottava da diversi anni, nonostante lei affermasse di essere in buona salute. LaDonna Andre Gaines, in arte Donna Summer, ha avuto un successo clamoroso grazie alla sua voce straordinaria che l’ha resa famosa agli inizi degli anni ’70 con canzoni pop, R&B e soprattutto con i singoli della disco music come Hot Stuff, Bad Girl e Last Dance. Il suo ultimo lavoro risale al 2008 con l’album di inediti The queen is back e recentemente stava preparando un nuovo disco, ma che purtroppo non potrà mai più ultimare. La cantante statunitense nella sua carriera ha venduto più di cento milioni di copie di dischi in tutto il mondo, ha una stella nella Hollywood Walk of Fame e ha vinto cinque Grammy Award. Insomma una vita piena di successi che le ha permesso di diventare la regina della disco music. L’artista nasce nel 1948 e si avvicina alla musica già da piccola cantando nei cori gospel, ma si dedica completamente ad essa quando entra a far parte del cast del musical Hair in Germania. Là incontra il suo primo marito Helmut Sommer, da cui non avrà solo una figlia, ma anche il nome d’arte: Sommer in tedesco significa estate, ovvero Summer in inglese, dunque Donna Summer.  
The Hostage è il suo primo singolo europeo che esce nel 1974, che le garantirà una carriera formidabile. Infatti in seguito emerge nel mercato discografico americano con gli album Love to love you baby (1975) e Remember yesterday (1977), che contiene la famosissima I Feel Love. Hot stuff, contenuta nell’album Bad Girl, esce nel 1979 e diventa la canzone-simbolo della cantante: indimenticabile non solo per la splendida interpretazione e per il ritmo, non solo perchè colonna sonora del film The full monty, ma anche perché con questa canzone Donna Summer vince il suo primo Grammy Award come miglior cantante femminile rock. In quell’anno viene pubblicato un duetto con Barbra Streisand No more tears (Enough is enough). Nel 1980 la regina del pop si sposa con Bruce Sudano dei Brooklyn Dreams, con cui avrà due figlie.
Donna Summer ha segnato un’epoca caratterizzata da generazioni di giovani che si riunivano in discoteca per ballare le sue canzoni in preda all’alcool e alla droga: è stata l’artista della transizione, del cambiamento, del divertimento smisurato che ha ispirato cantanti come David Bowie e gruppi come i Duran Duran. Donna Summer è la giunzione musicale tra gli anni ’70 e ’80, assumendone il titolo di Regina.
Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...