Buon Compleanno Carosone

3 gennaio del 1920. A Napoli nasce il cantautore e compositore Renato Carosone, famoso artista degli anni ’50 per le sue ironiche canzoni napoletane con melodie jazz e swing. La maestria di Renato è soprattutto nel saper coinvolgere il pubblico, attraverso alcune scenette comiche durante le performance musicali con il collega e batterista Gegè Di Giacomo. Con lui e il chitarrista Peter Van Wood (autore di Tre numeri al lotto) Carosone fonda nel 1949 il Trio Carosone, diventato in seguito un vero e proprio complesso di strumentisti, che si sono aggiunti dopo il trasferimento di Van Wood in America. Carosone a soli 17 anni si è diplomato in pianoforte al conservatorio di San Pietro a Majella. Dopo le prime esperienze musicali nell’Africa Orientale Italiana, il cantante deve prestare servizio militare nella Seconda Guerra Mondiale sul fronte della Somalia Italiana. La notorietà arriva nel 1954 con il primo long playing (LP) commerciale: Maruzzella, titolo tratto dal vezzeggiativo della moglie Marisa, a cui Carosone si è ispirato per scrivere questa canzone struggente e romantica. Inoltre da questo brano è tratto anche il film musicarello Maruzzella del 1956, interpretato da Claudio Villa. Altre incisioni famose sono Torero (1957), O’ sarracino (1958) e Caravan Petrol (1958), composte insieme a Nisa (Nicola Salerno). Carosone non ha successo solo in Europa, ma anche negli Stati Uniti, dove Torero è rimasta in cima alle hit parade per due settimane. Inoltre Carosone si esibisce con memorabili concerti in tutta l’America: Caracas, Rio de Janeiro, San Paolo e New York. La particolarità delle canzoni di Renato sono le melodie orientaleggianti, il gusto parodistico tipico degli USA, ma soprattutto il cantautore applica tecnicismi musicali e strumentali del tutto nuovi, come la registrazione su nastro, le sovrapposizioni e le variazioni di velocità. Nel 1960 Carosone decide di ritirarsi dalle scene, in quanto il pubblico preferisce i cantanti “urlatori”: il gusto degli ascoltatori sta cambiando e Renato sente che non c’è più posto per il suo tipo di musica. Nel 1975 riappare nel concerto della Bussola di Focette, dove canta anche la famosissima e indimenticabile Tu vuo’ fa l’americano. Partecipa ad altre trasmissioni televisive e nel 1982 incide il suo ultimo disco Carosone ’82. Renato Carosone muore il 20 maggio del 2001, ma la sua musica vive ancora.
Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...